MENU

Comments (0) Alimentazione

Dieta per diabetici

I diabetici e l’alimentazione

E’ noto che i diabetici devono seguire una dieta povera di zuccheri. Gli zuccheri sono contenuti, oltre che nei dolci, anche nei carboidrati, quindi pane, pasta, patate, farinacei, ecc.

In Italia i diabetici sono circa 3 milioni e spesso le idee diffuse sui cibi permessi ai diabetici sono del tutto ingiustificati e demonizzati al punto che il diabete è quasi considerata una sorta di allergia a determinati alimenti.

Bisogna quindi sfatare tanti miti e comprendere quali siano effettivamente i cibi che non compromettono i livelli di glicemia nel sangue, ma soprattutto il modo di cottura, le quantità, e alcuni accorgimenti che possono rendere la vita dei diabetici più vivibile senza avere addirittura paura soltanto di assaggiare un dolce.

Ci sono sicuramente cibi che bisogna prediligere e non fare mani mancare nella dieta, le verdure che agiscono non solo in senso benefico per l’organismo ma anche come deterrente rispetto ad altri cibi che contengono zuccheri.

Perché si alzano i livelli di glicemia nel sangue

Il meccanismo che si trova alla base dell’innalzamento dell’indice glicemico è quello per quale, ingerendo troppo zuccheri, il pancreas è costretto a secernere una grande quantità di insulina che provoca uno scompenso. L’organismo quindi ne richiede ulteriori quantità per chi si tende a mangiare cibo che contenga appunto zuccheri. E’ come il cane che si morde la coda: non si esce da questo circolo vizioso ed ecco che di determinano uno stato di ipoglicemia.

Il diabete, in particolare quello di tipo 2 che è il più diffuso, fa ingrassare. Il motivo risiede nel fatto che non tutti gli zuccheri che si ingeriscono vengono smaltiti e per questi si trasformano in grasso e tessuto adiposo. La conseguenza è che è indispensabile una regolare attività fisica per mantenere un giusto peso, che a sua volta inibisce l’assorbimento degli zuccheri.

Il diabete non è congenito anche se può manifestarsi per ereditarietà, e questo vuol dire che può insorgere in soggetti in sovrappeso, obesi e che fanno una vita sedentaria: nessuno ne è immune. Anche i livelli di colesterolo altro nel sangue e la pressione arteriosa al di sopra dei limiti (90/140) sono segnali che dovrebbero indurre a fare un controllo perché sono fattori di rischio conclamati che predispongono ad contrarre il diabete.

I diabetici e i carboidrati

La dieta quindi può comprendere anche i carboidrati e recenti studi hanno dimostrato che l’unico accorgimento da prendere è mangiare pasta al dente. In questo stato di cottura non sviluppa zuccheri. Allo stesso modo le patate vanno gustate bollite e fredde. Il corpo ha bisogno di tutti i nutrienti per essere in un buon equilibrio psico-fisico e non è più necessario privarsi di alimenti effettivamente indispensabili, soprattutto per il buon funzionamento del cervello e della reattività anche in età avanzata.

Il fatto di dover fare attenzione all’assunzione di carboidrati non deve portare a prediligere le proteine della carne o dei legumi,delle uova in quanto tutto quello in cui si eccede può portare danno. Bisogna quindi rispettare le quantità che per le proteine coprono solitamente il 30% in un pasto. Anche i grassi non sono da considerarsi dannosi se consumati nelle giuste quantità, anzi sono necessari.

Per non rinunciare al dolce e alla frutta

I diabeti poi non è detto che debbano rinunciare ai dolci. Basta prepararli con i dolcificanti al posto del normale zucchero e usare farina integrale riducendo comunque le porzioni per avere la soddisfazione del palato.

Anche la frutta può essere consumata tranquillamente, magari evitando quella con un alto contenuto di zuccheri per porzione come l’uva, le pere, i cachi, la banana. Se proprio non potete farne a meno dovrete ridurre sensibilmente la quantità ad un assaggio.

Per non sbagliare quindi è bene prediligere alimenti light e integrali in quanto hanno una composizione organolettica che è favorevole ai diabetici. L’assunzione dei farmaci che combattono il diabete non deve indurre ad abusare durante i pasti di porzioni abbondanti o di dolci. La cura da seguire è per mantenere i livelli di glicemia normali in soggetti che li hanno già alti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>